LETTERE DA ROMA. «PECCATO CHE NON SI POSSA VIVERE SEMPRE QUI»